Olio di palma: allarme cancro?

L’olio di palma contiene tre sostanze contaminanti tossiche (una delle quali classificata come genotossica e cancerogena), e per tale motivo il consumo di prodotti alimentari con discrete quantità di grasso tropicale viene sconsigliato a bambini e adolescenti. È quanto si legge nel corposo dossier dell’Autorità per la sicurezza alimentare europea (Efsa).

159 pagine dove si valutano i rischi per la salute legati alla presenza di tre contaminanti che si formano nel processo di raffinazione ad alte temperature (200°C): glicidil esteri degli acidi grassi (GE), 3-monocloropropandiolo (3-MCPD) e 2-monocloropropandiolo (2-MCPD).

Il problema riguarda anche alcuni altri oli vegetali e margarine, ma l’aspetto saliente è che l’olio di palma ne contiene da 6 a 10 volte di più. Gli alimenti sotto accusa sono merendine, biscotti, grissini, cracker, fette biscottate, prodotti da forno e cibi per l’infanzia preparati con il grasso tropicale.

La situazione sembra piuttosto seria. Per i glicidil esteri degli acidi grassi (GE), infatti, non è stata stabilita una soglia di apporto tollerabile, proprio perché trattasi di sostanza cancerogena e genotossica la cui presenza negli alimenti non può venire ammessa. Il ‘panel’ Efsa ha perciò concluso che i GE sono un potenziale problema di salute soprattutto per i bambini e i giovani, e per tutte quelle persone che assumono cibi ricchi di acidi grassi di palma. Le criticità si pongono anche per i bambini che consumano esclusivamente alimenti per lattanti.

L’argomento non è nuovo.  La quantità di GE negli olii e grassi di palma – riferisce L’Efsa – è stata dimezzata negli ultimi 5 anni, grazie a miglioramenti del processo produttivo, ma nello stesso periodo  in Italia il consumo di olio di palma negli ultimi 5 anni è quadruplicato, vanificando così la riduzione dei rischi legati al progresso tecnologico (le importazioni sono passate da 274 mila tonnellate del 2011, a 821 mila tonnellate del 2015 – dati Istat).

L’Efsa ha poi fissato una dose giornaliera tollerabile (DGT) di 0,8 microgrammi per chilogrammo di peso corporeo al giorno per il 3-MCPD, in assenza di sufficienti dati tossicologici per stabilire un livello di sicurezza per il 2-MCPD. L’apporto più significativo di tali contaminanti deriva sempre dall’olio di palma e il parere dell’Efsa è altrettanto severo: le quantità per i bambini e gli adolescenti (fino a 18 anni) superano la dose giornaliera tollerabile e costituiscono un potenziale rischio per la salute.

Il consumo di olio di palma in Italia ha ormai raggiunto livelli record. In Europa siamo i principali utilizzatori e i consumi sono da record, 12 grammi al giorno pro-capite. Questa criticità è stata evidenziata anche due mesi fa in un  dossier dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) sull’olio di palma, ove si afferma che i bambini italiani assumono il 49% in più di grassi saturi rispetto a quanto consigliato dai Larn (Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia) e dall’Efsa e che buona parte dell’eccesso (41% della quantità massima) è dovuto al consumo di olio di palma aggiunto negli alimenti industriali.

L’impiego del grasso tropicale appare sempre meno tollerabile, a dispetto dei massicci investimenti pubblicitari dei suoi produttori e grandi utilizzatori, i quali insistono nell’impossibile difesa della sua presunta sostenibilità e naturalità. E infatti, sia sul fronte industriale sia su quello della grande distribuzione, gli operatori più attenti alla sensibilità espressa dai consumatori italiani hanno già preso distanza dall’olio di palma, ricorrendo a grassi e oli più coerenti con le nostre tradizioni ed esigenze nutritive. Sul mercato ci sono oggi più di 700 prodotti ‘palm free’, grazie anche alla campagna di sensibilizzazione e alla petizione di www.greatitalianfoodtrade.com Il Fatto Alimentare su Change.org, che ha raccolto oltre 175 mila firme.

Dario Dongo

www.greatitalianfoodtrade.com

Gratitude yummi.club

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *